Il danno da demansionamento

La Suprema Corte ha ribadito che la prova del danno derivante da demansionamento e dequalificazione professionale può essere fornita anche mediante presunzioni ai sensi dell’art. 2729 c.c. e, dunque, attraverso il ricorso a elementi presuntivi gravi, precisi e concordanti.
A tal fine, pertanto, possono essere valutati la qualità e quantità dell’attività lavorativa che il dipendente è stato chiamato a svolgere nonché la natura della professionalità richiesta, la durata del demansionamento e la diversa e nuova collocazione lavorativa attribuita al lavoratore dopo il periodo di prospettata dequalificazione.

a cura dello Studio legale Avv. Mauro Montini 

Lascia un commento

Torna su