Licenziamento e visita medica

I Giudici di legittimità, nel ricordare che – in caso di cambio di mansioni – il dipendente deve essere sottoposto per legge a visita medica di idoneità, ha ritenuto legittimo il licenziamento intimato al lavoratore che si era rifiutato di sottoporsi alla citata visita.
Difatti, la circostanza che il rifiuto fosse volto a contestare un asserito demansionamento non può assumere alcuna rilevanza, poiché il diritto del dipendente di sollevare contestazioni nei confronti del demansionamento deve essere esercitato nelle opportune sedi e non certamente sottraendosi ad un obbligo prescritto ex lege.

a cura dello Studio legale Avv. Mauro Montini 

Lascia un commento

Torna su