Sopraelevazione abusiva di un edificio e sanatoria edilizia: non sempre può essere concessa

Il Consiglio di Stato, con recente sentenza del luglio 2022, ha affermato che la realizzazione di un piano aggiuntivo di un immobile comporta un aumento di volume e di superficie e necessita di permesso di costruire. Nel caso in cui tale attività edilizia sia realizzata sine titulo, non sempre è possibile il rilascio del permesso in sanatoria, in quanto deve essere rigorosamente valutata la sussistenza dei relativi presupposti.
Invero, ha sottolineato il Giudice Amministrativo che il requisito della doppia conformità è un principio fondamentale nella materia del governo del territorio, in quanto finalizzato a garantire il rispetto della disciplina urbanistica ed edilizia durante il periodo temporale compreso tra la realizzazione dell’opera e la presentazione dell’istanza volta ad ottenere l’accertamento di conformità.
Nel caso di specie, l’intervento ricadeva in un’area dove non era consentito l’aumento di superficie utile e volumetria, escludendo quindi la possibilità di una nuova edificazione. Di conseguenza, proprio alla luce della c.d. doppia conforme non era possibile rilasciare la richiesta sanatoria.

a cura dello Studio legale Avv. Mauro Montini 

Lascia un commento

Torna su