Mentre mi vesto, mi paghi!

La Corte di Cassazione è tornata ad affrontare la questione del c.d. “tempo tuta”, ribadendo che il tempo occorrente per indossare e togliere la divisa rientra nell’orario di lavoro e deve essere retribuito, se l’operazione di vestizione/svestizione ha un carattere
“eterodiretto” e non meramente preparatorio all’attività, ossia se si tratta di un adempimento che il dipendente deve effettuare necessariamente per poter svolgere la propria attività lavorativa.

a cura dello Studio legale Avv. Mauro Montini 

Lascia un commento

Torna su