La mancanza della dichiarazione di assenza di situazioni di incompatibilità della commissione non comporta di per sé l’invalidità della procedura

Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio, con sentenza di agosto 2022, si è pronunciato in relazione alle conseguenze derivanti dalla mancata sottoscrizione, da parte di tutti i componenti della commissione esaminatrice, della dichiarazione attestante l’assenza di situazioni di incompatibilità tra di essi ed i concorrenti.
Più precisamente, secondo il Giudice Amministrativo tale carenza non sarebbe invalidante, trattandosi di una mera irregolarità formale sanabile. In tal senso, è ammessa una dichiarazione “postuma” se non si dimostra che la procedura sia stata in concreto viziata da situazioni di incompatibilità non dichiarate.

a cura dello Studio legale Avv. Mauro Montini 

Lascia un commento

Torna su