Dichiarazione d’impegno dell’ausiliaria può essere incorporata nel contratto di avvalimento

A dire del Consiglio di Stato la dichiarazione di impegno dell’ausiliaria ai sensi dell’art. 89 co. 1 del D.Lgs. 50/2016 («L’operatore economico dimostra alla stazione appaltante che disporrà dei mezzi necessari mediante presentazione di una dichiarazione sottoscritta dall’impresa ausiliaria con cui quest’ultima si obbliga verso il concorrente e verso la stazione appaltante a mettere a disposizione per tutta la durata dell’appalto le risorse necessarie di cui è carente il concorrente») è una dichiarazione d’impegno unilaterale (non già un negozio bilaterale, con accettazione da parte della stazione appaltante) in favore dell’amministrazione. Ciò che rileva, infatti, è l’assunzione delle obbligazioni da parte dell’ausiliaria direttamente nei confronti della stazione appaltante, non già il supporto redazionale che ne racchiude la fonte. Tale dichiarazione dunque non deve essere necessariamente inviata dall’ausiliaria. Invero, la modalità a tal fine prevista dalla legge, che esprime e concreta la recettizietà dell’atto, è anzi quella per cui «L’operatore economico» cura la «presentazione» di tale dichiarazione dell’ausiliaria in favore della stazione appaltante.
Il che può ritenersi ben integrato dalla dichiarazione impegnativa dell’ausiliaria, direttamente nei confronti della stazione appaltante, contenuta nel contratto di avvalimento “presentato” dall’operatore economico.

a cura dello Studio legale Avv. Mauro Montini 

Lascia un commento

Torna su