L’elusione della normativa di evidenza pubblica in caso di occupazione anticipata di area demaniale marittima

Il TAR Campania, sede di Salerno, ha chiarito come l’atto di sottomissione per occupazione anticipata di area demaniale marittima per posa di ombrelloni, adottato senza previo espletamento di gara ad evidenza pubblica e preceduto dal rilascio di una concessione per la posa ombrelloni ad uso temporaneo, del pari avvenuto in assenza di procedura di evidenza pubblica, sia un atto illegittimo in quanto contrario ai principi legislativi e giurisprudenziali di concorrenzialità.
L’Amministrazione, infatti, autorizzando l’anticipata occupazione, consentirebbe di fatto alla concessionaria di ottenere la concessione demaniale della spiaggia per un’intera stagione estiva, completando così il periodo oggetto della richiesta di rilascio della concessione demaniale e creando in tal modo effetti definitivi e non anticipatori della concessione demaniale.
Orbene, suddetta illegittimità può essere fatta valere anche dai proprietari o detentori di immobili prossimi all’area oggetto di concessione, i quali – attesa la più alta probabilità che gli stessi, rispetto ad altri, possano recarsi a fini di balneazione nel tratto di spiaggia suddetto – sono annoverabili tra i soggetti titolari di un interesse differenziato e qualificato, affinché sia adeguatamente garantita la libera balneazione, rapportando quindi tale esigenza alla situazione effettiva delle persone e all’esistenza di spiagge sufficienti a soddisfare il bisogno collettivo.

a cura dello Studio legale Avv. Mauro Montini 

Lascia un commento

Torna su