La mancata o ritardata esecuzione anticipata del contratto può dar luogo ad inadempimento

Qualora intervenga la c.d. esecuzione anticipata dello stipulando contratto, giustificata da ragioni di urgenza, l’instaurazione di un rapporto contrattuale (che trae, comunque, titolo nell’esito della fase selettiva) prefigura, sia pure in termini di anticipazione rispetto alle ordinarie scansioni temporali e agli ordinari adempimenti formali, una fase propriamente esecutiva, le cui vicende si strutturano in termini di adempimento delle obbligazioni contrattuali e di responsabilità conseguente al loro inadempimento.
È in questi termini che si è espresso il Consiglio di Stato in una sentenza di metà giugno con la quale il Collegio ha chiarito come anche le obbligazioni nascenti a carico delle parti a seguito della consegna anticipata dei lavori, pur se di carattere preparatorio e temporaneo, in quanto destinate a restare definitivamente suggellate nel contratto, sono effettivamente sorte e non potrebbe dubitarsi della loro piena vincolatività, pena altrimenti la frustrazione dell’istituto acceleratorio, finalizzato a soddisfare il prevalente interesse pubblico alla conclusione dei lavori appaltati nel rispetto di termini particolarmente stringenti. E pertanto, nonostante l’assenza di quello che viene propriamente definito “vincolo contrattuale”, l’inadempimento configura comunque una vera e propria ipotesi di inadempimento contrattuale”.

a cura dello Studio legale Avv. Mauro Montini 

Lascia un commento

Torna su